ONE STOP SHOP per tutte le soluzioni commerciali e fintech tra Brasile e Stati Uniti.

La Federal Reserve deve ora ridurre i tassi a zero e procedere verso un allentamento quantitativo

nutriti ha bisogno di tagliare i tassi ora - sorpresa

Ammettiamolo gente ... il fattore paura sta davvero andando fuori dalle classifiche e guidando i mercati verso una crisi ... responsabile delle politiche fiscali ... stiamo parlando di portare a zero questo dannato tasso FED e di iniziare con un graduale allentamento quantitativo per ristabilire liquidità e fiducia dei consumatori / spesa prima che FEAR FACTOR porti i mercati finanziari in un tuffo nel naso da dove può " arare indietro senza danni irreparabili permanenti.

Si prevede che la Federal Reserve allenterà ulteriormente la politica monetaria la prossima settimana, ma considerando le crescenti turbolenze di Wall Street, dovremmo essere preparati affinché la banca centrale agisca molto prima. E dovremmo essere preparati per qualcosa di grande. La Fed non può più ritardare.

I responsabili politici hanno una grande decisione da prendere. Continuano con il loro solito approccio di riduzione graduale dei tassi di interesse? O fanno una mossa più aggressiva? Vi è una forte argomentazione per la Fed di riportare i tassi allo zero in una sola volta dall'attuale intervallo da 1% a 1,25% - e senza indugio.

La Fed deve affrontare la realtà. Non ha più senso "mantenere la polvere asciutta". Un mezzo punto percentuale lascerebbe quasi nessuna polvere, da 0,5% a 0,75%. Ciò scomparirebbe facilmente con solo una manciata di rapporti economici deboli. Inoltre, ci sono poche speranze che i mercati finanziari si stabilizzino improvvisamente. Il numero di casi di coronavirus aumenterà solo così come la perturbazione economica associata.

A dire il vero, questa crisi differisce dalle ultime due. Piuttosto che uno shock da Wall Street che alimenta l'economia reale, sta accadendo il contrario. Ma questo non lascia la Fed fuori dai guai. Il suo obiettivo immediato deve essere quello di sostenere il settore finanziario in modo da non collassare e aggravare la situazione debolezza che si verifica nell'economia.

I segni dello stress creditizio sono stati abbondanti martedì, con le aziende che hanno raccolto liquidità correndo per attingere alle linee di credito. Questo è un comportamento perfettamente razionale da parte loro, ma crea un improvviso stress sul sistema finanziario per soddisfare la domanda di liquidità. Inoltre, i rendimenti dei titoli del Tesoro USA hanno oscillato selvaggiamente durante il giorno, aumentando alla fine nonostante il sell-off delle azioni. Perfino i titoli municipali super sicuri hanno subito un pestaggio.

Portare i tassi di interesse a zero è solo il primo passo. La Fed ha a disposizione una serie di strumenti aggiuntivi che deve essere pronta a mettere in atto prima o poi, poiché diventeranno meno, non più, efficaci se il settore finanziario entrerà in crisi. Alcuni hanno già utilizzato, come ad esempio operazioni di mercato repo ampliate. Alcuni sono tenuti in riserva, come una struttura di pronti contro termine permanente, un allentamento quantitativo o un controllo della curva dei rendimenti. Se il funzionamento del mercato del credito fosse sufficientemente compromesso, potrebbe tornare alle speciali strutture di liquidità, sebbene l'ostacolo all'uso di tali strumenti sia più elevato dopo Dodd-Frank Act.

La Fed non è l'unico gioco in città. La politica fiscale ha un ruolo importante anche a supporto dell'economia di Main Street, un'area in cui qualsiasi azione della Fed non avrà un impatto immediato. Ma fino a quando non arriverà lo stimolo fiscale - l'intervento di martedì del presidente Donald Trump non è stato all'altezza delle aspettative per un ampio pacchetto di stimoli - la Fed è l'unico gioco in città.

In virtù della loro decisione a sorpresa di abbassare i tassi di mezzo punto percentuale il 3 marzo, i responsabili politici hanno già deciso di essere pronti a muoversi in modo molto aggressivo per sostenere l'espansione economica. Realisticamente, potrebbe essere già passato il punto di non ritorno in termini di recessione, ma il gradualismo non è più un'opzione.

Fonti: Bloomberg e Intelprise 

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
Torna su